endodonzia

L'endodonzia è la branca della odontoiatria che si occupa della diagnosi e del trattamento delle malattie della polpa dentaria, chiamata anche "nervo" del dente.
Il dente, composto da corona e radice, all'interno è cavo e racchiude come in uno scrigno la polpa dentaria. La polpa si ammala per varie cause quali carie profonde o traumi. La polpa è un tessuto con scarse capacità riparative. Quando si ammala deve essere eliminata attraverso un intervento che è correntemente chiamato "devitalizzazione" o "terapia canalare" o, più correttamente, "terapia endodontica ortograda".

Carie penetranti
Se il processo carioso non è diagnosticato per tempo penetra in profondità nella corona del dente e origina una carie penetrante.
Molto spesso queste carie non si possono più curare con una terapia conservativa, per esempio con un intarsio in oro o in disilicato di litio, ma richiedono una terapia più complessa, che prevede la devitalizzazione del dente e la ricostruzione con corona protesica.

La terapia endodontica
Detta anche "devitalizzazione", è un atto clinico che richiede esperienza, conoscenza delle tecniche e doti manuali. Noi ci avvaliamo della consulenza esterna di due endodontisti, professionisti specializzati in endodonzia.
Fasi della terapia endodontica

Pre-trattamento o ricostruzione pre-endodontica
Se la corona del dente è parzialmente distrutta, bisogna ricostruirla, in modo da permettere l'uso della diga di gomma, lo strumento che isola il dente da devitalizzare. La ricostruzione pre-endodontica viene fatta con resine composite.

Detersione e sagomatura del sistema dei canali radicolari
Il dente all'interno è cavo e contiene la polpa dentaria da rimuovere. Gli spazi vuoti, sia della camera pulpare che delle radici, sono anfrattuosi e presentano residui di polpa dentaria.
La detersione elimina dall'interno dei canali radicolari tutto il materiale derivato dalla polpa o eventuali batteri, in modo da rendere il canale perfettamente sterile e quindi evitare infezioni che originano i granulomi.
La sagomatura del canale radicolare serve ad allargare il canale senza indebolirlo e mantenendone le curvature fisiologiche, in modo da avere un migliore accesso per una completa detersione e a creare lo spazio per riempire il canale con una otturazione tridimensionale e sigillarlo ermeticamente.