precisa occlusione
dentale

Un perfetto bilanciamento occlusale è uno dei pregi di una protesi dentale, e uno degli atti clinici più difficili.

Il Prof. Ulf Posselt, direttore del Dipartimento di Analisi Occlusale e di Riabilitazione Dentale dell' Università di Malmo in Svezia, una delle figure storiche più importanti nello studio dei problemi legati all'occlusione dentale, scriveva nell'introduzione al suo famosissimo libro Physiology of Occlusion and Rehabilitation: "Occlusion is one of the building stones of dentistry"
L'occlusione è una delle pietre miliari dell'odontoiatria.
Io ed il mio team da sempre abbracciamo in pieno questa definizione e la trasferiamo quotidianamente nella nostra pratica clinica.

Il bilanciamento occlusale è fondamentale per l'integrazione fisiologica della protesi nel sistema neuromuscolare. Se la protesi è di qualità, diventerà parte integrante del sistema masticatorio.

Pratichiamo questa operazione con apposite frese agendo sulla superficie masticante dei denti fino a ottenere dei precisi punti di contatto, i più piccoli possibili, armonicamente distribuiti su tutte le superfici masticanti.

Anche una protesi dentale ineccepibile può essere "distrutta" o "destrutturata" da un molaggio occlusale incongruo. Noi facciamo un “molaggio selettivo”.
È il più alto atto clinico che compiamo ogni giorno nello Studio.

È la nostra firma, garanzia di qualità e di eccellenza.





Procedi a leggere per saperne di più sul concetto dell'occlusione.
Aumentare il tuo grado di conoscenza ti sarà utile per le tue scelte in materia di salute dei denti e per scegliere il professionista a cui affidare la tua bocca.








Cosa devi sapere sull'occlusione dentale
Per occlusione dentaria si intendono i rapporti che si creano tra le arcate dentarie quando una persona chiude la bocca e stringe i denti.
Questo normalmente succede alcune centinaia di volte durante la giornata soprattutto quando deglutiamo.
Nella persona con dentatura integra o con protesi costruite correttamente i denti combaciano fra di loro in maniera armonica e la stabilità del sistema masticatorio è dovuta all'instaurarsi di fenomeni di adattamento fisiologici.
Il sistema dentario che in termini tecnici si chiama apparato stomatognatico è in realtà un organo molto complesso che il Prof. Rudolf Slavicek della Scuola di Vienna chiama organo masticatorio, un termine a mio avviso molto adatto.
L'organo masticatorio lo dobbiamo immaginare come un sistema complesso formato da denti, gengive, osso di sostegno dei denti, legamento parodontale , articolazioni temporo mandibolari e sistema neuromuscolare.
Si tratta di un sistama dinamico in continua evoluzione soggetto a continui fenomeni di adattamento, una macchina masticatoria meravigliosa perfettamente adattata da milioni di anni di evoluzione.
Ogni dente è collegato ai centri superiori del cervello attaverso delle fibre nervose che "sentono"ogni variazione di pressione e di temperatura a cui quel dente è soggetto.
Quando con la mia equipe mi accingo a ricreare una nuova dentatura devo sempre confrontarmi con la situazione iniziale in cui si trova il paziente e da li partire per la nuova riabilitazione.

Comincio sempre con il montaggio corretto dei modelli di lavoro in articolatore in asse cerniera terminale con tre cere di centrica perchè voglio la precisione da subito




L'argomento è molto complesso ma quello che devi sapere è che una occlusione precisa è di fondamentale importanza se si vuole parlare di protesi dentali di qualità.
Nella foto sopra si vedono i modelli di lavoro che sono i calchi delle arcate dentarie ricavati da impronte di precisione uno per l'arcata superiore e uno per l'inferiore montati in articolatore uno strumento meccanico di alta precisione che farà da supporto ai modelli per la creazione della protesi fissa. 
Nel mio metodo di lavoro prediligo la più alta precisione nel montaggio dei modelli di lavoro e procedo personalmente al montaggio stesso senza demandarlo all'odontotecnico.
Utilizzo una tecnica molto sofisticata che richiede una notevole esperienza e tempo ma che offre il vantaggio di un montaggio dei modelli in articolatore molto preciso e questo porterà alla creazione di una occlusione precisa delle nuove protesi
La mia tecnica prevede la rilevazione di 3 cere di masticazione, le cosi dette cere di centrica che devono determinare sull'articolatore una posizione spaziale dei modelli i  gesso analoga alla posizione che le arcate dentaria hanno nella bocca del paziente.
Con questo metodo otteniamo una qualita della protesi irragiungibile con altre metodiche più semplicistiche.


Prima e dopo il nostro trattamento
 
A sinistra il caso iniziale come è arrivato allo Studio.
A destra la situazione dopo la riabilitazione complessa con risanamento sia delle gengive e dei tessuti parodontali sia con la nuova protesi fissa in oro-ceramica. 
Tipo di protesi: protesi fissa 
Materiali protesici per la travata interna: oro-platino-palladio 
Materiale ceramico: Ceramica Creation Willy Geller System
Articolatore: Denar D5A
I segni marcati in rosso che si vedono nella foto di destra sono i punti dove toccano i denti in occlusione individuati con delle sottili striscie di carta colorate.
Grande soddisfazione finale di tutto il mio team per gli obiettivi raggiunti, la foto parla da se, abbiamo ottenuto una occlusione estremamamente precisa.
L'anatomia dei tavolati occlusali è ottimamente rappresentata, cuspidi e fosse sono modellate in armonia con il sistama neuromuscolare grazie alla precisione del metodo di lavoro.
Questa ritengo sia la qualità finale di un lavoro protesico.

Gentile Paziente grazie per tua attenzione.
Sicuramente dopo questa lettura avrai aumentato il tuo bagaglio di conoscenze riguardo ad un argomento molto delicato, quello dell'occlusione dentale in protesi.
Ti sarà molto utile quando dovrai sceglire il professionista a cui affidare la salute della tua bocca e quella dei tuoi familiari.
Il mio team è sempre a disposizione per chiarire eventuali dubbi o per una consulenza.